Secondo me il Cacciatore di Bambi è bellissimo. And the winner is: Poison.   Premio della Critica a: Gesù. Che tra tanti personaggi di fantasia ci sguazzava perfettamente.      

Ah, ma ve le ricordate le lettere che si scrivevano alle riviste di videogiochi all’inizio degli anni ’90? (Certo io non ero ancora nato ma ne ho sentito parlare, eh, eh, eh.) “Ma è meglio il Megadrive o il SuperNintendo?”, oppure “Ma è meglio il NES o il Master System?”, anche “Meglio Final Fight o… [Continua]

Netflix ha pubblicato sulla sua piattaforma americana l’attesa serie di fantascienza SENSE 8. Perché attesa? Perché l’aspettavo io. E perché alla sceneggiatura tornano i fratelli Lana e Andy Wachowski, e in più li affianca lo sceneggiatore Marvel, J. Michael Straczynski. Io ho un debole per i Wachowski, ho un debole per la fantascienza e ho un debole per… [Continua]

Delle produzioni di Robert Yang ne farò una rubrica, credo, tanto sono prolifiche e adorabili (ne avevamo parlato già qui). STICK SHIFT è un altro breve gioco che, con Hurt Me Plenty e Succulent, dà vita a una trilogia sull’esplorazione dell’erotismo. L’azione nei giochi di Yang non è mai casuale e nella maschera delle metafore e del… [Continua]

Dagli anni ’50 Batman ha sempre dovuto affrontare l’accusa di essere omosessuale: per qualche ragione, molti lettori percepivano che uno scapolo ricco, in collant e con una spalla giovane e aitante, potesse essere gay. Pensa tu che illazioni balzane!  Nel 1998, lo scrittore Warren Ellis inserisce il personaggio di Midnighter nel cast di Stormwatch e nel successivo e bellissimo spin-off,… [Continua]

Si chiama VIRTUALEROTICO, Sesso, pornografia ed erotismo nei videogiochi, edito da Unicopli, Ludologica Game Theory, ed è una raccolta di interventi a cura di Luca Papale & Francesco Alinovi, e uscirà il prossimo mese. Ne parlo ovviamente nel mio blog perché ci sono anch’io nei magnifici 10 e sì, si parla di rappresentazioni LGBT anche questa… [Continua]

Insomma in un solo personaggio hanno concentrato un bel po’ di continuity e universi paralleli, ma dopo questo bel titolo che serve solo per gli allocchi di Google, andiamo a vedere più in particolare di cosa sto parlando, Perché no, non stiamo parlando di Natasha Romanoff e no, non stiamo parlando di Scarlett Johansson (ragazze mi… [Continua]

È uscito solo ieri Mortal Kombat X e il gioco sembra già guadagnarsi un posto di riguardo, almeno nella storia dei videogaymes. Per quanti hanno letto il mio libro (che trovate sempre QUI) non sarà una sorpresa la mancanza totale di personaggi gay nella lunghissima saga di Mortal Kombat, e lo ammetto, questo è sempre stato… [Continua]

Mancavo solo io col gioco di parole più abusato degli ultimi due mesi. Vabbé, portate pazienza e parliamo di cose serie. Gioco geekqueer del mese. Robert Yang è uno sviluppatore di indie game, professore di sviluppo e design di videogiochi alla New York University e alla Parsons New School for Design e scrive anche su… [Continua]

Se c’è una cosa risaputa di Facebook è quell’algoritmo che ti propone cose e argomenti che ti interessano. Solo quelli. Che non c’è molto da scandalizzarsi perché tanto lo si fa (o almeno sarebbe auspicabile farlo) nella vita reale: io un amico che non la pensa come me e che non ha i miei stessi… [Continua]

Articoli random

Mangiatevi l’ombretto dall’invidia...

Finalmente puntuali -ma stitici come una dieta proteica- ...

La cosa piu’...

La rivista comica a fumetti MAD ha stilato ...

Cercasi Gaymer

Nel 2009 su SCI FI CHANNEL è andato ...

Antisocial: litigate in...

Se c'è una cosa risaputa di Facebook è ...

Le recensioni di...

Snake, azione, piattaforma Nokia 5110 Chissà quanti di voi ...